Lo spettacolo

Le specialità moderne, con le quali gli sbandieratori “Principi d’Acaja” si esibiscono nelle piazze di tutto il mondo sono: il singolo tradizionale, la coppia tradizionale, la piccola squadra, la grande squadra e musici.

IL SINGOLO: in questa rappresentazione lo sbandieratore deve dare prova della propria abilità tecnica, sostenuta da una preparazione psicofisica che gli permette di avere un ferreo controllo delle proprie emozioni. Il suo esercizio può basarsi su passaggi di abilità con più bandiere venendo giostrate anche con l’ausilio degli arti inferiori.

LA COPPIA: è l’esercizio più completo e difficoltoso da eseguire; oltre all’abilità tecnica, infatti, deve nascere tra i due alfieri un perfetto sincronismo di movenze e scambi di bandiera curando la ricerca dell’eguaglianza e la ricerca di nuove difficoltà.

PICCOLA E GRANDE SQUADRA: Coreografia e spettacolarità sono gli ingredienti indispensabili per l’esibizione della piccola squadra (fino a 6 sbandieratori) e della grande squadra (da 8 a 16 sbandieratori); il perfetto coordinamento e l’affiatamento di tante persone nell’eseguire le varie figurazioni, oltre all’abilità tecnica degli scambi di bandiera, sono il frutto di un lungo ed appassionato lavoro di équipe.

MUSICI: Il gruppo si esibisce con coreografie ed intervalli di movenze scandite dal ritmare del gruppo musici che accompagna ogni parte dei vari esercizi sottolineando le varie fasi dell’esibizione. Il gruppo musici formato da tamburini e suonatori di chiarina deve dare uno spettacolo il più possibile consono al periodo cinquecentesco, sia nei brani che nella tipologia degli strumenti utilizzati in sincronismo con le movenze.